Sannicandro di Bari

Trivelle: Emiliano, governo può fermarle

Sulla vicenda Trivelle i ministri Di Maio e Costa hanno "affermato che, una volta intervenuta la Via favorevole, l'autorizzazione sarebbe un 'atto dovuto' e il dirigente, a meno di non compiere un reato, non avrebbe potuto negarla. I ministri, trincerandosi dietro una assurda e inesistente ipotesi di reato, hanno omesso di considerare che, in sede di autotutela, l'amministrazione statale avrebbe potuto disporre il riesame Via". Lo afferma il governatore Michele Emiliano che impugnerà le autorizzazioni. "Del resto, lo stesso ministro Di Maio, riferendosi alla vicenda Trivelle e al lavoro della Commissione VIA, nominata dal precedente Governo, ha dichiarato - aggiunge - che Costa, appena insediato, ha deciso 'di sciogliere quella commissione che aveva dato l'ok a questa porcata'. "Ora - rileva - non solo hanno una nuova Commissione, ma hanno anche il tempo per esercitare l'autotutela. Invece, in modo ipocrita e strumentale, si limitano ad auspicare il blocco delle autorizzazioni da parte del giudice".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie